Il racconto di un viaggio

 Perché le tante, troppe, decine di migliaia di morti non siano state vane…!

A un passo dal non poter tornare indietro.

Quaranta giorni consecutivi a letto insieme all’ospite ingrato che mi abitava dentro. In terapia intensiva per 13 giorni, prima intubato e poi tracheotomizzato, collegato ai tubicini dell’ossigeno, ai sensori dei parametri vitali, al saturimetro, con un accesso arterioso al braccio destro e un accesso venoso a quello sinistro.

Il Covid è infido, è silente, ma fa il suo lavoro, non si ferma mai e ha un solo scopo: riprodursi, riprodursi, riprodursi.

Ci siamo dimenticati tutto!
Le bare di Bergamo, i vecchi morenti e soli nelle Rsa, le foto simbolo di quei guerrieri in corsia stravolti dal sacrificio, l’inno dai balconi.

LEGGI IL SECONDO CAPITOLO DEL LIBRO.

Dove posso acquistare il libro?

O ACQUISTALO NELLE MIGLIORI LIBRERIE INDIPENDENTI

Rassegna Stampa

Bergamo News – 23/02/2021
“Avere il Covid è stato un Incubo”

Arabera – 19/02/2021
Enrico Cortis: “Racconto il Covid in un libro”

Le recensioni dei lettori

Nicolò r.

"Ho letto il libro un po' velocemente, lo ammetto, ma mi è piaciuto veramente tanto! Bello, avvincente, con un tocco inaspettato di surrealismo, se così si può dire. Mi piace!"

Classificazione: 5 su 5.
Ines p.

"Ho letto il libro tutto d'un fiato. Ero convinta di avere tanto sofferto io per quella "bestia nera" del Covid. Di fronte a questa lunga e dolorosa odissea, la mia vicenda è passata in secondo piano. Enrico ha davvero toccato il limite, la sua vita appesa a un filo. Questo libro andrebbe fatto conoscere: in questi mesi ho incontrato fin troppi negazionisti."

Classificazione: 5 su 5.
Giovanna m.

Sono rimasta molto impressionata, penso che tu Enrico abbia una forza d'animo non comune per come hai superato quella terribile esperienza.Noi donne tendiamo a dare importanza alle emozioni, e tu me ne hai fatte provare molte durante la lettura. Hai un atteggiamento fattivo e positivo, ed è ciò di cui mi sono stupita di più. Complimenti, quindi!"

Classificazione: 5 su 5.
Antoinette D.

"Carissimo Enrico, ti devo veramente fare le mie congratulazioni per il libro.
L'ho letto piu' di una volta. Le descrizioni sono vive e la persona che sta leggendo sente la paura, l'angoscia e il dolore in prima persona. L'hanno letto molti amici miei e tutti sono d'accordo che è stato un miracolo che sei rimasto in vita ed è la tua voglia di vivere che ti ha dato la forza di tenere duro. Grazie mille di nuovo. Un abbraccio fortissimo."

Classificazione: 5 su 5.
Roberto M.

Ho finito di leggere il libro: complimenti. È incredibile come ti sei ricordato così chiaramente di tutto quello che ti passava per la testa durante il periodo di coma indotto ed è altrettanto incredibile come la mente mette insieme esperienze diverse da diverse fasi della vita che all'apparenza non hanno senso ma che quando conosci la persona capisci che sono pezzi del passato che probabilmente sono rimasti impressi o ci hanno segnato in un modo o nell'altro. Davvero un bel racconto…complimenti di nuovo…mi hai fatto venire la voglia di leggere, cosa che purtroppo non facevo più da anni a meno che non fosse correlato al lavoro.

Classificazione: 5 su 5.

Scrivi la tua recensione